Blog

L’architettura del colore nei locali pubblici

L’architettura del colore nei locali pubblici

Alvar Aalto negli anni Trenta faceva uso sapiente del colore negli spazi interni del Sanatorio di Paimio: giallo per gli elementi distributivi per facilitare l’orientamento durante la notte; azzurro per le pareti delle sale comuni per creare un’atmosfera rilassante; i soffitti delle camere dei pazienti in verde chiaro, ottimo per il riposo.

 

Richiedi un appuntamento con un nostro collaboratore

 

L’umanizzazione del colore

A partire dal secolo scorso, studi scientifici hanno dimostrato che la reazione umana all’interno degli ambienti costruiti è in larga percentuale basata sulla percezione del colore. Ne deriva che l’adeguata progettazione del colore di un edificio (e quindi la scelta dei suoi materiali) possa ampiamente contribuire al benessere psicofisico dei suoi fruitori che diventano, oltre che i destinatari del progetto, il punto di partenza per lo sviluppo di un progetto cromatico umanizzato, quindi attento alle emozioni umane.

 

pavimento e rivestimento della collezione Rilievi by Zaven

Applicazioni a pavimento e rivestimento della collezione Rilievi by Zaven, CEDIT – Ceramiche d’Italia
clicca qui per aprire la collezione

Se da un lato esistono associazioni universali relative alla percezione cromatica – il blu è associato al cielo, il verde alla natura, il giallo alla luce, il rosso al pericolo – questa varia anche in base all’età, agli aspetti sociali e culturali di appartenenza, al carattere e alle esperienze personali. Ognuno interpreta soggettivamente gli stimoli provenienti dallo spazio che lo circonda, di conseguenza l’ambiente ideale in materia di color design può assumere tratti molto personali e variare a seconda dei casi.

 

Spazi pubblici – suggestioni condivise

Negli spazi domestici la scelta dei colori può essere dettata dai gusti e dalle esigenze dell’architetto in accordo con i committenti; in quelli pubblici, invece, è consigliabile che il colore venga accuratamente progettato affidandosi a suggestioni cromatiche il più possibile universali che consentano ai fruitori un adeguato comfort emozionale:

  • Bianco – trasmette l’idea di pulizia e neutralità
  • Giallo – favorisce l’attenzione, l’apprendimento
  • Rosso – ha effetto stimolante, attira l’attenzione
  • Marrone – esprime calore e tradizione
  • Azzurro – ha effetto rilassante
  • Blu – infonde sicurezza, affidabilità
  • Verde – favorisce calma e riflessione
  • Arancione – induce entusiasmo e allegria
Richiedi un appuntamento con un nostro collaboratore

La scelta del colore

La natura ci offre una vastissima gamma cromatica: come scegliere il colore più adatto agli interni adibiti a uso pubblico? Per una scelta oculata occorre valutare numerose variabili, muovendosi secondo criteri oggettivi, soggettivi e funzionali.

Criteri oggettivi

L’effetto che il colore crea nello spazio dipende dalla luce, dall’orientamento e dalla disposizione degli ambienti: se la stanza è orientata a nord saranno più indicati i colori caldi; se a sud, invece, risultano efficaci le tinte neutre e fredde. Luce e colore creano effetti volumetrici e influiscono sul senso di profondità: i colori chiari tendono a dare l’idea di ampiezza, i colori scuri di raccolta. Le tonalità accese possono avere un ruolo attivo nella composizione, evidenziando le variazioni architettoniche.

Collezione Materia Project di Casamood

Collezione Materia Project di Casa dolce casa – Casamood
clicca qui per aprire la collezione

 

Criteri soggettivi

È utile generalizzare come i colori possano influenzare lo stato d’animo degli individui che usufruiscono dei locali: quelli caldi e luminosi trasmettono un senso di vicinanza confidenziale, mentre quelli caldi e scuri danno un aspetto classico, elegante; i colori freddi e luminosi offrono sensazioni di fresco, pulizia, linearità, quiete; quelli freddi e scuri simboleggiano la stabilità, la sicurezza, il rispetto.

pavimento e rivestimento della collezione Storie by Giorgia Zanellato e Daniele Bortotto

Applicazioni a pavimento e rivestimento della collezione Storie by Giorgia Zanellato & Daniele Bortotto, CEDIT – Ceramiche d’Italia
clicca qui per aprire la collezione

 

Criteri funzionali 

Per un’adeguata progettazione del colore va valutata la compatibilità con la funzione d’uso degli spazi: negli ambienti lavorativi frequentati per lunghi intervalli di tempo si prediligono i colori chiari che favoriscano la concentrazione. Per quanto concerne la sanità tutto deve comunicare calore e accoglienza, non freddezza tecnica né ostilità e i colori più adatti sono quelli tenui che favoriscono il riposo e la calma. Le tinte scure o sature vanno bene per ambienti frequentati per brevi intervalli di tempo, ad esempio i ristoranti, per creare contrasti, stupore, allegria. I colori neutri e le tinte naturali sono adatti a rivestimenti in facciata o per pavimentazioni pubbliche per evitare che stridano con il contesto circostante.

 

I trend del momento

La percezione del colore e il sentimento che ne scaturisce sono condizionati dai trend del momento, capaci di portare a sperimentare e apprezzare palette colori inedite. L’impiego nel progetto architettonico di nuance alla moda è più che lecito. Tuttavia è sempre consigliabile optare per tinte che rispecchiano il modo di essere e sentire gli spazi della committenza, a garanzia di un gusto duraturo nel tempo.

È dunque assodato che l’utilizzo del colore in architettura vada oltre le mere esigenze estetiche e decorative. Ciò nonostante è bene che le suggestioni relative all’uso funzionale del colore vengano filtrate attraverso un personale processo creativo, al fine di evitare che gli spazi acquisiscano tratti monotoni e spersonalizzanti. L’obiettivo è l’umanizzazione della cromia e l’abilità del progettista sta nel considerarne i fattori ergonomici ed emozionali, senza sacrificare la complessità dei progetti e operando scelte contestuali all’utilizzo dei materiali più adatti.

 

Richiedi un appuntamento con un nostro collaboratore

 

Lo studio del colore in architettura

Nell’ambito dello studio del colore in architettura, quale materiale scegliere per i propri progetti architettonici?
Il gres porcellanato rappresenta un ottimo alleato nello studio e nella progettazione del colore in architettura, in quanto permette con un unico materiale di realizzare soluzioni cromatiche molto differenti tra loro.

Dalle superfici con i colori più audaci – adatte ad ambienti eccentrici – a quelle con i colori neutrali per ambienti eleganti e minimali, sono numerosissime le suggestioni cromatiche offerte dal gres porcellanato: una ricca tavolozza di colori da cui l’artista-architetto può attingere liberamente per realizzare la propria opera.

Di seguito passiamo in rassegna alcuni prodotti in gres porcellanato dove il colore fa la differenza:

Contrasti in bianco e nero

Con B&W_Marble di Floorgres il bianco e il nero trovano nel gres porcellanato nuove forme espressive: le lastre di questa collezione effetto marmo sublimano la semplicità del bianco e del nero puri in un dualismo dirompente fatto di contrasti nitidi e irregolari.

gres porcellanato effetto marmo

Collezione B&W_Marble di Floorgres
guarda la collezione

 

Colore colore colore!

Fucsia, arancione, verde bottiglia, azzurro e ancora corallo, malva, petrolio, melanzana. Buildtech/ 2.0 di Floorgres e Neutra 6.0 di Casa dolce casa – Casamood sono le collezioni Florim che offrono un’ampia gamma di colorazioni a tinta unita per un totale di 24 differenti nuance. Florim promuove così un binomio vincente, quello tra la neutralità del cemento e il carattere deciso di cromie sature destinate all’architettura.

 

gres porcellanato effetto cemento

bagno gres porcellanato

Collezione Buildtech/ 2.0 di Floor Gres
guarda la collezione

pavimenti e rivestimenti gres effetto cemento

sala d'attesa gres effetto cemento

Collezione Neutra 6.0 di Casa dolce casa – casamood
guarda la collezione

 

Rilievi

La collezione Rilievi del marchio CEDIT supera la bidimensionalità della lastra per proporre un rivestimento 3D in cui colore e materia si combinano in un gioco di luci, ombre e profondità. I colori sono accesi e le formelle in rilievo si stagliano con contrasti artistici sulle superfici delle grandi lastre in gres. In questo caso la lastra si fa essa stessa opera d’arte.

 

stile industrial gres porcellanato

Collezione Rilievi by Zaven | Enrica Cavarzan & Marco Zavagno per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

 

Pura materia

Alle colorazioni sature appena descritte si contrappongono le collezioni dal carattere minimalista: Industrial e Rawtech di Floor Gres e Studios di Casa dolce casa – Casamood propongono una palette di colori neutrali, ispirati alle colorazioni naturali della terra. Grigi, beige e marroni in numerose sfumature riprendono la materia cementizia nella sua forma pura e rigorosa o vissuta e usurata per la realizzazione di ambienti sobri ma eleganti.

 

parete gres porcellanato effetto cemento

Collezione Industrial di Floor Gres
guarda la collezione

pavimenti gres effetto cemento

Collezione Rawtech di Floor Gres
guarda la collezione

 

Segni

La collezione Matrice di CEDIT unisce la semplicità delle grandi lastre grigio chiaro che si ispirano al cemento con la preziosità delle incisioni lineari e geometriche dai colori sgargianti. Le decorazioni Matrice, disponibili in 24 varianti (9 nella versione 6mm), danno la possibilità di essere assemblate in infinite combinazioni, creando segni sempre differenti.

negozio abbigliamento gres effetto cemento

parete gres effetto cemento

Collezione Matrice by BRH+ per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

 

La scelta del colore nel retail design

Nell’ambito del retail design, il colore è tra i più importanti elementi che influenzano la scelta di un prodotto o di un brand. Quando osserviamo qualcosa, infatti, tendiamo a dare grande importanza al suo aspetto visivo, che diventa un punto sensoriale che orienta nella decisione d’acquisto. Ne consegue che in ambienti adibiti alla vendita, l’esigenza dei progettisti di creare luoghi piacevoli e accoglienti nei quali le persone possano trovarsi a proprio agio debba passare attraverso l’uso del colore e dei materiali da rivestimento.

Ma in che modo i colori influenzano i clienti negli ambienti retail?

I comportamenti d’acquisto suggeriti dall’uso di un colore piuttosto di un altro non sono classificabili rigidamente, in quanto fortemente influenzati dal contesto e dalle numerosissime variabili emotive della clientela. 

Tuttavia a grandi linee è possibile affermare che: 

  • il rosso, l’arancione e il nero sono i colori più adatti all’acquisto d’impulso (li troviamo spesso nei fast food o negli outlet); 
  • le varie tonalità del blu e del verde sono associate ad acquisti basati sul risparmio e sulla fiducia (ad esempio banche e grandi magazzini); 
  • tonalità come il rosa e il viola, sono predilette dal pubblico femminile e adatte ad acquirenti tradizionali del settore dell’abbigliamento; 
  • il giallo è il colore più accogliente per le aree adibite al ricevimento dei clienti,

 

Richiedi un appuntamento con un nostro collaboratore

 

Di fronte all’infinità di criteri di scelta del colore, spesso soggettivi, diventa importantissimo seguire il buon senso di progettisti e color designer ma, soprattutto, tenere conto delle esigenze cromatiche specifiche della brand image e delle caratteristiche tecniche dei materiali da utilizzare.

In un negozio, ad esempio, è fondamentale che l’ambiente sia rivestito con materiali che lo rendano facilmente pulibile, resistente, confortevole sia dal punto di vista fisico che estetico e che i colori del brand si sposino in maniera armoniosa con quelli dell’arredamento e delle superfici architettoniche.

A quest’ultimo proposito il gres porcellanato Florim offre un’ampia offerta di superfici, colori e ispirazioni materiche unite a caratteristiche tecniche eccellenti.

Di seguito alcune tra le ispirazioni Florim per ambienti retail unici e caratterizzanti.

Crayons of Cerim è la collezione che valorizza il binomio colore e design attraverso il caratteristico approccio fresco e funzionale del marchio. Otto tinte pastello, pensate per dare vita a composizioni vivaci ed equilibrate al tempo stesso, si armonizzano tra loro e con il contesto. Si passa dalle cromie polverose di chiara ispirazione anni Cinquanta del tortora, del nocciola, del rosa, del giallo sbiadito e dell’azzurro cielo, a quelle più decise del grigio polveroso e del verde muschio, tutte perfette per creare ambienti dallo stile retrò e dal carattere contemporaneo.

pareti e pavimenti gres porcellanato

Collezione Crayons of Cerim
guarda la collezione

Artworks di Casa dolce casa – Casamood rappresenta un ottimo compromesso tra l’utilizzo di lastre dai colori saturi e l’eleganza delle lastre dai colori tenui. I suoi piccoli frammenti di materia e colore disegnano infatti una texture stilizzata, con geometrie irregolari che animano le superfici con discrezione, con un binomio a contrasto (bianco-nero, blu-bianco, giallo-nero, bordeaux-giallo ecc), riprendendo elementi tipici della tradizione come il battuto veneziano.

parete e camino in gres porcellanato

Collezione Artwork di Casa dolce casa – casamood
guarda la collezione

Per ambienti ricercati in cui il colore si intreccia al lusso della materia, può essere utilizzata la collezione Les Bijoux de Rex, le cui lastre sono ispirate a marmi dai colori accesi (rosso, marrone, blu), talmente rari e preziosi da poter essere paragonate a vere e proprie opere d’arte. 

sala pavimenti gres blu

Les Bijoux de Rex
guarda la collezione

 

I Filati di Rex” è la nuova collezione ideata da Florim in collaborazione con Rubelli che rievoca il senso di artigianalità della secolare arte della seta attraverso lastre ceramiche di grande formato. Le nove superfici della collezione si ispirano a preziosi tessuti firmati Rubelli che, a loro volta, nascono dalla rielaborazione contemporanea di alcuni motivi decorativi provenienti dalla nobile eredità veneziana della tessitura.

sala design gres porcellanato

Collezione I Filati di Rex
guarda la collezione

Parlando di opere d’arte, è il marchio CEDIT che offre ai progettisti una varietà di superfici in cui design, storia, arte e colore sono i protagonisti. Si pensi alla miscellanea di colori vivi, contrastanti, puri della collezione Araldica, ai gradienti pastello della collezione Cromatica, ai contrasti saturi e profondi della collezione Rilievi, ai riferimenti pittorici della collezione Euridice, in cui il gres appare come una vera e propria tela grezza che accoglie le pennellate di colore.

atelier design pareti gres CEDIT

Collezione Araldica by Federico Pepe per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

gioielleria design gres porcellanato

Collezione Cromatica by Formafantasma per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

Rilievi by Zaven ceramiche CEDIT

Collezione Rilievi by Zaven per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

 

retail design gres porcellanato

Collezione Euridice by Giorgio Griffa per CEDIT – Ceramiche d’Italia
guarda la collezione

 

Questa è solo una piccola selezione dei prodotti in gres porcellanato creati da Florim per realizzare i propri progetti: è possibile scoprire l’intera gamma sul nostro sito

Potrebbero interessanti anche

Ricevi gli aggiornamenti sulle collezioni, i nuovi prodotti e gli eventi Made in Florim

Cambia Lingua RU

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in russo

Vai al russo Chiudi / Close

Cambiar idioma

Si prefieres, puedes configurar el idioma del sitio para navegar en español

Ir a la versión en español Chiudi / Close

Sprachwechsel

Sie können die folgenden Sprachen auswählen deutsch

Wechsel zu deutsch Chiudi / Close

Changer langue

Si vous préférez, vous pouvez configurer la langue du site pour naviguer en français

Aller sur la version française Chiudi / Close

Switch language

If you prefer, you can set the website language to browse it in English

Go to the English version Chiudi / Close

Scegli la lingua

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in italiano. Invece, per continuare sul sito inglese clicca sul pulsante chiudi.

Italiano Chiudi / Close