Pavimenti Tecnici

Pavimenti sopraelevati e autoposanti per interni

Flessibilità e adattabilità per i più moderni pavimenti per interni

Pavimenti tecnici per interno sono stati sviluppati per soddisfare le esigenze dei più moderni ambienti interni che richiedono flessibilità ed adattabilità senza rinunciare alle caratteristiche tecniche ed estetiche del gres porcellanato. Grazie alla loro versatilità tali soluzioni permettono di modificare la disposizione degli ambienti, consentendone la manutenzione e il riutilizzo. Tipologie di pavimenti tecnici per interno:

Pavimento sopraelevato tradizionale

Pavimento sopraelevato tradizionale

È un sistema di pavimentazione sospesa in cui la zona calpestabile poggia su una struttura sopraelevata. Tra il fondo ed il pavimento si crea un vano tecnico ispezionabile e utilizzabile per l’alloggiamento degli impianti.

Tra il fondo ed il pavimento si crea un vano tecnico utilizzabile per l’alloggiamento degli impianti. I moduli che compongono il pavimento sono appoggiati al sottofondo permettendone la rimozione con estrema facilità e consentendo l’accesso alla zona sottostante.

Pavimenti sopraelevati tradizionaili: vantaggi

Tale sistema comporta vantaggi quali:

  • Flessibilità nella gestione dell’impiantistica che viaggia liberamente sotto la pavimentazione.
  • Praticità nelle operazioni di manutenzione grazie all’accessibilità degli impianti.
  • Possibilità di riutilizzo. La posa a secco senza l’uso di collanti permette la movimentazione dei singoli pannelli o di tutta la pavimentazione in ambienti diversi da quelli iniziali.
  • Adattabilità: Il pavimento sopraelevato può essere posizionato anche su un pavimento preesistente.

Componenti

Gli elementi che compongono il pavimento sopraelevato Florim sono il pannello e la struttura di sostegno.

  • Il pannello è il risultato dell’incollaggio di un supporto di 3-4cm con una lastra in gres porcellanato che rappresenta il piano di calpestio e garantisce qualità estetiche unitamente ad eccellenti caratteristiche di pulibilità, inalterabilità e resistenza nel tempo.
  • La struttura invece è realizzata mediante l’impiego di traversi e piedini in acciaio zincato. I collegamenti degli impianti con i locali sono realizzati mediante aperture quali torrette o griglie per il passaggio dell’aria.

Approfondimenti

Il rivestimento superiore è in gres porcellanato, proposto senza limiti nell’uso di finiture o superfici in funzione delle diverse esigenze estetiche e progettuali. Il gres porcellanato viene assemblato all’anima strutturale il cui materiale accoppiato viene rettificato e lavorato per ottenere una leggera svasatura utile per rendere più agevole la posa e la movimentazione del pavimento.

L’anima di supporto può essere costituita da due diverse tipologie di materiale: truciolare di legno o solfato di calcio.

  • Il supporto di truciolare di legno permette di ottenere uno spessore del pannello finito di 48mm, è consigliato per carichi medi e si distingue per la sua economicità. Buona resistenza meccanica e al fuoco.
  • Il supporto in solfato di calcio permette di ottenere uno spessore del pannello finito di 40mm. Garantisce migliore resistenza all’umidità e al fuoco. Unisce ad un’alta resistenza meccanica un ottimo potere fonoassorbente.

La struttura portante, collocata sopra al solaio, è un’intelaiatura in acciaio sostenuta da piedi circolari di altezza variabile da 3-4cm fino oltre un metro e traversi di collegamento anch’essi in acciaio. La sommità dei piedi e dei traversi è bordata con gomma antistatica per assorbire le vibrazioni e i rumori.

 

Pavimento sopraelevato autoposante

Pavimento sopraelevato autoposante

Rappresenta l’unione della praticità nella manutenzione dei sopraelevati alla flessibilità applicativa. Utilizzata con la necessità di rendere il manufatto ceramico indipendente dal supporto, permette maggiore flessibilità di modifica e integrazione nel tempo rispetto ai pavimenti sopraelevati tradizionali.

Utilizzata con la necessità di rendere il manufatto ceramico indipendente dal supporto, permette maggiore flessibilità di modifica e integrazione nel tempo rispetto ai pavimenti per interni sopraelevati tradizionali.

Pavimenti sopraelevati autoposanti: vantaggi

Il sistema prevede vantaggi quali:

  • Maggiore facilità di posa
  • Intercambiabilità del manufatto ceramico
  • Sostituzione della pavimentazione semplice e veloce
  • Possibilità di utilizzare svariati formati

Componenti

Il sistema è composto da una lastra in gres porcellanato alla quale viene applicato un supporto costituito da una speciale mescola ad alta densità in gomma riciclata e sughero dello spessore di 2mm. Oltre a svolgere una funzione fonoassorbente, la gomma aumenta il grip delle lastre nei confronti della struttura sottostante. Al di sotto della lastra in gres è presente un supporto costituito da un pannello di solfato di calcio o truciolato incapsulata in due anime di alluminio. Questo viene posato e fissato al piedino sottostante in alluminio.

 

Pavimento autoposante

Pavimento autoposante

Studiato per rinnovare l’estetica degli ambienti attraverso la posa di un nuovo pavimento in ceramica direttamente sopra una pavimentazione preesistente, questa soluzione non richiede la realizzazione di un massetto, né l’uso di collanti o di stucchi. Posate per semplice accostamento, le lastre vengono posizionate e rimosse senza opere di muratura o demolizione e senza dovere necessariamente ricorrere a manodopera specializzata.

Questa soluzione non richiede la realizzazione di un massetto, né l’uso di collanti o di stucchi. Posate per semplice accostamento, le lastre vengono posizionate e rimosse senza opere di muratura o demolizione e senza dovere necessariamente ricorrere a manodopera specializzata.

Vantaggi

  • Immediatezza: subito calpestabile perché non richiede l’utilizzo di collanti, stucchi e tempi di attesa per l’esercizio dopo la posa.
  • Versatilità: Il sistema è disponibile in tutte le collezioni, finiture, formati e superfici Florim.
  • Praticità: facile e veloce da posare, consente un notevole risparmio di costi di manodopera e può essere posato in “fai da te”. Ideale per il mondo del retail e del temporary.
  • Possibilità di riutilizzo: La posa a secco senza l’uso di collanti permette la movimentazione delle singole lastre o di tutta la pavimentazione in ambienti diversi da quelli iniziali. Il pavimento sottostante non viene danneggiato risultando ideale per edifici storici o vincolati da particolari norme e/o regolamenti.

Componenti

Il sistema è composto da una lastra in gres porcellanato abbinata ad un supporto costituito da una speciale mescola ad alta densità in gomma riciclata e sughero dello spessore di 2mm. Oltre a svolgere una funzione fonoassorbente, la gomma aumenta il grip delle lastre nei confronti del fondo. Lo spessore inoltre permette di assorbire lievi difetti della superficie sottostante. Un bordo in PVC, bisellato congiuntamente alla lastra, protegge la lastra ceramica in fase di posa, svolgendo la funzione di fuga del sistema posato.

Contattaci per maggiori informazioni

Contattaci per ricevere maggiori informazioni sui prodotti, sui rivenditori o per ricevere assistenza tecnica.

Ricevi gli aggiornamenti sulle collezioni, i nuovi prodotti e gli eventi Made in Florim

Cambia Lingua RU

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in russo

Vai al russo Chiudi / Close

Cambiar idioma

Si prefieres, puedes configurar el idioma del sitio para navegar en español

Ir a la versión en español Chiudi / Close

Sprachwechsel

Sie können die folgenden Sprachen auswählen deutsch

Wechsel zu deutsch Chiudi / Close

Changer langue

Si vous préférez, vous pouvez configurer la langue du site pour naviguer en français

Aller sur la version française Chiudi / Close

Switch language

If you prefer, you can set the website language to browse it in English

Go to the English version Chiudi / Close

Scegli la lingua

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in italiano. Invece, per continuare sul sito inglese clicca sul pulsante chiudi.

Italiano Chiudi / Close