Un minuto apparato solido che gioca con le facoltà di percezione visiva di chi lo ammira, assumendo ad ogni sguardo una presenza differente.

Un minuto apparato solido che gioca con le facoltà di percezione visiva di chi lo ammira, assumendo ad ogni sguardo una presenza differente.

Nel 1968 Achille e Pier Giacomo Castiglioni vengono incaricati da CEDIT di progettare degli “oggetti in ceramica da produrre in piccola scala”, con l’ulteriore specifica che “la dimensione massima di ciascun pezzo dovrebbe essere contenuta nell’ordine di 25-30 cm, sia di altezza che di larghezza”.  La ricerca progettuale, portata avanti con la consueta attenzione al dettaglio che distingue le iconiche creazioni dei due designer, volge in direzione di una famiglia di tre vasi identici ma con dimensioni differenti, distinti da una sagoma decisamente originale: la geometria perfettamente circolare dell’imboccatura dei recipienti, estrusa in verticale, si modella per chiudersi su sé stessa, in modo simile a quella di una minuta brocca dal fondo affilato.

A distanza di cinquant’anni esatti dall’ideazione di questa meravigliosa intuizione progettuale, CEDIT decide di celebrare il suo sodalizio con l’ingegno dei Castiglioni proponendo un’accurata riedizione di Lapis nei tre formati originari e con una palette cromatica aggiornata ma fortemente ispirata a quella dell’epoca. Fedele ad un preciso indirizzo del suo nuovo corso, CEDIT onora la cultura del progetto collegando un sublime esempio di creatività italiana del Novecento a quella del nostro tempo, oltre ad inaugurare un personale percorso di ricerca che, attingendo dalla sua straordinaria storia e dal suo presente, intende sommare alla propria originale ricerca nell’ambito della produzione di lastre, l’edizione di oggetti ceramici firmati dai maestri di ieri e da protagonisti di oggi.

Vaso Lapis di Achille Castiglioni e Pier Giacomo Castiglioni | CEDIT
Vaso Lapis di Achille Castiglioni e Pier Giacomo Castiglioni | CEDIT
Vaso Lapis di Achille Castiglioni e Pier Giacomo Castiglioni | CEDIT


I colori originari delle edizioni del 1968 – grigio, marrone e rosso, tutti a dominante scura – sono denominati “Fumo”, “Castoro” e “Ciliegia”; le interpretazioni cromatiche di oggi – grigio, blu e rosso – prendono rispettivamente i nomi di “Fumo”, “Notte” e “Ciliegia”.


Achille Castiglioni (Milano, 16 febbraio 1918 – Milano, 2 dicembre 2002) e Pier Giacomo Castiglioni (Milano, 22 aprile 1913 – Milano, 27 novembre 1968): tra i progettisti più noti e influenti del loro periodo, firmano nel corso di una formidabile carriera alcuni tra i prodotti di design maggiormente conosciuti e celebrati di tutti i tempi.

Contattaci per maggiori informazioni

Contattaci per ricevere maggiori informazioni sui prodotti, sui rivenditori o per ricevere assistenza tecnica.

Potrebbero interessanti anche

Ricevi gli aggiornamenti sulle collezioni, i nuovi prodotti e gli eventi Made in Florim

Cambia Lingua RU

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in russo

Vai al russo Chiudi / Close

Cambiar idioma

Si prefieres, puedes configurar el idioma del sitio para navegar en español

Ir a la versión en español Chiudi / Close

Sprachwechsel

Sie können die folgenden Sprachen auswählen deutsch

Wechsel zu deutsch Chiudi / Close

Changer langue

Si vous préférez, vous pouvez configurer la langue du site pour naviguer en français

Aller sur la version française Chiudi / Close

Switch language

If you prefer, you can set the website language to browse it in English

Go to the English version Chiudi / Close

Scegli la lingua

Se preferisci puoi impostare la lingua del sito per navigarlo in italiano. Invece, per continuare sul sito inglese clicca sul pulsante chiudi.

Italiano Chiudi / Close